Ha vinto la feccia. Note a margine alle elezioni in un non-Paese

Posted on 22 aprile 2008

0


Il popolo è sovrano e ha scelto. Ne prendo atto. Ammetto la
sconfitta elettorale e politica, ma non posso cedere alla sconfitta morale
perché nemmeno il voto plebiscitario è fondamento di verità. Spesso la verità è
appannaggio di minoranze e a volte di singole persone. A me non interessano i
giochi partitici e di potere per guadagnare uno strapuntino. Non ho lottato per
un tornaconto, ho vissuto per una visione di Paese e di Nazione che questo voto
nega e rinnega.

Il popolo italiano ha affidato la cassa di famiglia ad un evasore e ladro. Ha
consegnato la legalità alla mafia che ha incoronato legislatore. Ha affidato i
precari e i poveri alla elemosina dei miliardari. L’Italia tornerà in guerra e
alla grande in Iraq, mentre in Afghanistan aumenterà la presenza a danno forse
del Libano. Viene la voglia di dire: chi si contenta gode. I cattolici o più in
generale i cristiani hanno consegnato a mani giunte il loro senso del “bene
comune” e la loro strutturale solidarietà alla xenofobia e al particolarismo
della Lega di Bossi.

Sono tornati i lanzichenecchi, i mafiosi e gli inquisiti e condannati che da oggi
diventano il modello dell’Italia del 3° millennio. Ne prendo atto. Il malaffare
ora governa e l’Italia diventa un «bordello» istituzionale. Gli Italiani non
hanno più scusanti: hanno consegnato l’Italia a Berlusconi, chiavi in mano e a
Bossi come suo manovratore.

Non contesto la vittoria elettorale, semplicemente non accetto questa Italia,
nella quale mi sento «extracomunitario» moralmente e spiritualmente. Ha
prevalso l’egoismo e ancora una volta l’interesse di parte e spesso
individuale. Ha vinto uno che si è dichiarato «anarchico» riguardo ai temi
etici, ha vinto il populista, il vuoto, l’effimero, l’impresentabile,
l’amorale. Ha vinto la feccia d’Italia. Il primo tema messo in agenda a urne
ancora calde è quello della «giustizia» perché ora comincia la «vendetta-2».

La sinistra può dirsi felice di avere messo alle corde il governo Prodi e
Bertinotti potrà bersi quel brodino che augurava a Prodi. Per la seconda volta
la sinistra regala l’Italia a Berlusconi. Sì, l’assassino torna sempre sul
luogo del delitto. Non avere previsto che il governo Prodi era l’ultima chance,
significa non avere capito nulla di politica per cui alla fine è un bene che
questa sinistra sia scomparsa «motu proprio» perché pur di avere uno sprazzo di
visibilità momentanea non ha saputo cogliere il sentimento, ma neppure il
malessere di interi strati sociali. Hanno solo litigato sulle spoglie di un
«non-programma» per affermare lo 0,0000x%. Ora, se fossero onesti, ma ne
dubito, tutti i dirigenti, da cima a fondo, dovrebbero dimettersi e ritirarsi a
vita privata per fallimento manifesto: non vivranno da poveri, perché avranno
la misera pensione da deputati e senatori che hanno maturato anche quest’anno.
Scompaiono, ma con le tasche piene. Sarebbe bene che oggi questi tizi ex sinistri
tacessero e andassero a coltivare zucchine: ci risparmino per favore le loro
analisi e i loro mestrui pseudo-intellettuali.

Coloro che, date le circostanze e in queste condizioni e allo stato delle cose
in questo preciso momento storico della nostra nazione, non hanno votato
Veltroni, nonostante sia Walter o Uolter, e si sono dispersi in mille rivoli o
hanno disertato le urne, ubriachi di se stessi, oggi hanno perso il diritto di
parola, di critica e di protesta: possono solo tacere. Coloro che hanno favorito
il «regno» di Berlusconi devono tacere per la durata dell’intera legislatura.
Lo esige la decenza.

Per quanto mi riguarda continuerò a prendere l’antidoto contro il virus del
berlusconismo, specialmente ora che dilaga come la peste in tutto il Paese. Non
mi rassegno all’immoralità di una politica asservita a biechi interessi
capitalistici. Non mi rassegno alla logica del mercato, il nuovo idolo, di chi
difende solo i suoi interessi. Non mi rassegno né mi consegno nelle mani di
Bossi e continuerò a vivere e a praticare il vangelo anche in pieno deserto.

Queste elezioni sono la sconfitta del cristianesimo e particolarmente del
cattolicesimo che rinnega i principi costitutivi della sua stessa esistenza: i
cristiani che hanno votato Bossi hanno consegnato affogato Cristo nelle fogne
del «dio-Po». Ne guadagna la gerarchia che ora presenterà il conto del
finanziamento delle scuole private con buona pace dell’art. 7 della Carta
costituzionale.

Berlusconi regna, Bossi governa. Si vede già all’orizzonte (credo con il
sostegno del PD) lo stravolgimento della Suprema Carta e fra tre o quattr’anni
avremo Berlusconi al Quirinale, despota d’Italia. Non era questo il sogno delle
Italiane e degli Italiani? Buon giorno, Italia! Buon risveglio.

Da parte mia, torno nella foresta a resistere, resistere, resistere.

Paolo Farinella, prete

(15 aprile 2008)