Ecuador, terre incolte ai campesinos

Posted on 16 luglio 2009

0


 

Hoy a las 7:01

Verranno espropriate e distribuite ai piccoli contadini le terre incolte per più di due anni
L’Ecuador ha annunciato una legge che esproprierà le terre rimaste incolte per più di due anni, per ridistribuirle ai contadini indigeni.
Annunciando la riforma, il governo ha assicurato che si tratterà di una forma di esproprio, per il quale verrà corrisposto un "giusto prezzo" e non di una confisca. Un comitato formato da personale del ministero dell’Agricoltura, dell’Ambiente e dello Sviluppo, identificherà gli appezzamenti di terra incolti e ne stabilirà il compenso. L’esproprio sarà invece affidato al ministro dell’agricoltura Ramon Espinel, che da ieri ha sostituito Walter Poveda.
Come ha avuto modo di dichiarare il governo, la riforma ha lo scopo di "democratizzare" l’accesso alla terra, aumentare la produzione di sussistenza e di porre fine all’uso degli speculatori che lasciano parte delle terre incolte in attesa che aumentino di prezzo.

Annunci
Posted in: Le Buone Notizie