Ue, procedura per deficit eccessivo nei confronti dell’Italia

Posted on 7 ottobre 2009

0


A differenza degli altri Paesi, per Bruxelles la debolezza italiana

non può essere considerata temporanea, per via dei problemi strutturali dell’economia

Tremonti: "Il nostro squilibrio nei conti analogo a quello di altri Paesi europei"

Ue, procedura per deficit eccessivo nei confronti dell'Italia

Il commissario Europeo agli Affari Economici e Monetari Almunia con il presidente della Bce Trichet

ROMA – L’Unione Europea si prepara ad aprire una procedura per deficit eccessivo nei confronti dell’Italia. La commissione europea ha infatti presentato oggi il rapporto sui conti pubblici richiesto dal patto di stabilità e di crescita come primo passo verso l’apertura di un dossier. Il deficit eccessivo previsto dall’Italia può essere, secondo Bruxelles, considerato "eccezionale" per via della crisi economica, "ma non può essere considerato temporaneo". Per questo, si legge nel rapporto, "il criterio di deficit del Trattato non è rispettato".

Procedura per 9 Paesi. Un problema che riguarda ben nove Paesi dell’Unione Europea, e cioè, oltre all’Italia, Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Germania, Olanda, Portogallo, Slovenia e Slovacchia. I paesi dell’Ue con i conti non in linea con i parametri di Maastricht, che prevedono che il rapporto deficit/Pil non superi il 3%, salgono così a 20 su 27. Era infatti già partita una raccomandazione per Grecia, Irlanda, Francia, Spagna, Romania, Lettonia, Malta, Lituania, Polonia, Regno Unito e Ungheria.

Il Tesoro: "Deficit as usual". E quindi la situazione italiana, per quanto riguarda il deficit, "non è eccezionale", afferma in una nota il ministero dell’Economia, che parla di "deficit as usual", precisando che "oltre il 90% del Pil europeo è in deficit eccessivo. Rispetto a quello degli altri Paesi il livello del deficit dell’Italia non è certo – afferma il Tesoro – tra i più alti. Basti notare che, se diversi altri Paesi sono al di sopra del 10%, l’Italia è intorno al 5%, quindi meno della metà. In realtà non è eccezionale la situazione italiana, ma è eccezionale, per effetto della crisi, la situazione europea e mondiale. Questo non vuol dire che anche in Italia non ci si deve impegnare per riequilibrare quanto prima possibile i conti".

Ma il problema non è il deficit. Tuttavia il vero problema dell’Italia non è il deficit, sottolinea l’Unione Europea, ma la "debolezza strutturale" dell’economia, che rallenterà la ripresa. Nel documento la Ue rileva, in sintesi, che questa situazione deriva in parte dagli effetti della crisi e in parte da altri fattori strutturali, tra cui una spesa pubblica che resta elevata.

Il deficit – si legge – programmato dal governo italiano al 5,3% "va oltre e non è prossimo al valore di riferimento del 3%" e "sebbene possa essere considerato come eccezionale, non può essere considerato temporaneo". Il debito, poi, programmato al 115,1% del Pil nel 2009", per la Commissione Ue "non diminuisce in maniera sufficiente, con un andamento verso il valore di riferimento non soddisfacente".

Nel rapporto si ribadiscono le stime della Commissione, secondo cui il Pil si riprenderà "in modo molto moderato nella seconda metà del 2009, in linea con un moderato miglioramento del contesto economico globale e con alcuni recenti indicatori che suggeriscono un lento miglioramento nei prossimi mesi". Per il 2010 Buxelles punta su un -5% per l’Ialia.

Modesta ripresa nel 2010. "Nel 2010 – si legge nel rapporto – l’attività economica dovrebbe stabilizzarsi ad un livello basso, grazie al rimbalzo atteso nella domanda esterna e ad una ripresa dei consumi privati. Il divario produttivo dovrebbe diventare nettamente negativo nel 2009 e ad accrescersi nel 2010, mentre la crescita potenziale dovrebbe indebolirsi".

I dati sul Pil. Il Pil dell’Eurozona nel secondo trimestre 2009 è calato dello 0,2% rispetto al precedente, secondo la stima diffusa da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione Europea, rivista leggermente al ribasso alla precedente per lo stesso periodo (-0,1%). Per l’Italia invece nessun cambiamento, come nella prima stima è previsto nel secondo trimestre un calo dello 0,5% rispetto ai primi tre mesi del 2009. Per l’Ue a 27 stati membri il calo previsto è dello 0,3%, rivisto al ribasso rispetto al -0,2% della prima stima.

Su base annua, dunque rispetto allo stesso trimestre del 2008, il calo è stato del 4,8% nell’Eurozona, anche questo in ribasso rispetto alla prima stima (-4,9%). Per l’Italia il calo annuo del Pil è pari al 6%, a conferma della prima stima. Per l’Ue-27 la contrazione stimata è del 4,9%.

(7 ottobre 2009)

Annunci