Primo effetto della sentenza. Per il premier si riapre il processo Mills e quello sui fondi neri Fininvest

Posted on 8 ottobre 2009

0


 

Adesso che Berlusconi è tornato un cittadino come tutti gli altri, la prima conseguenza pratica della sentenza della Consulta è che ripartono i processi a suo carico.
Il primo è quello scaturito dalle indagini sulla compravendita dei diritti televisivi e cinematografici di società Usa per 470 milioni di euro, che sarebbe stata effettuata da Fininvest attraverso due società off-shore nel 1994-1999. La procura di Milano ipotizza che major americane abbiano venduto i diritti televisivi alle due società off- shore, le quali li avrebbero poi rivenduti con una forte maggiorazione di prezzo a Mediaset, allo scopo di aggirare il fisco italiano e creare fondi neri a disposizione di Silvio Berlusconi. Sia Mediaset sia tutti gli imputati hanno sempre respinto le accuse.
In conseguernza della legge Cirielli per quel che riguarda Berlusconi venne stabilito il non luogo a procedere per prescrizione per tutte le appropriazioni indebite e per frode fiscale e falso in bilancio fino al 1999. Berlusconi al momento resta all’interno del processo per l’ipotesi di frode fiscale del 1999 e per quella del falso in bilancio che, con una contestazione suppletiva del pm, era stato "allungato" al 2001. Il processo è stato sospeso per tutti gli imputati nel settembre 2008 in attesa della decisione della Consulta.

Il processo Mills è sicuramente quello più temuto da Berlusconi. Al termine del processo di primo grado, il 17 febbraio 2009, i giudici della decima sezione penale del Tribunale di Milano hanno condannato a quattro anni e sei mesi l’avvocato Mills per corruzione giudiziaria. Al centro del procedimento c’è l’accusa secondo cui Berlusconi nel 1997 avrebbe fatto inviare 600.000 dollari all’avvocato d’affari britannico come ricompensa per non aver rivelato in due processi, in qualità di testimone e quindi con l’obbligo di legge di dire il vero e non tacere nulla, le informazioni su due società off- shore usate da Mediaset per creare fondi neri. In questo caso i giudici, a differenza dei colleghi del processo principale sui diritti tv sospeso per tutti, una volta entrato in vigore il Lodo Alfano hanno deciso di stralciare e sospendere la posizione del coimputato Berlusconi, e di procedere per il solo Mills. Il processo d’appello a David Mills inizierà il prossimo 9 ottobre e tra l’altro si è saputo che la difesa del legale inglese ha chiesto la testimonianza del premier.

Teoricamente sarebbe in piedi anche il procedimento, attualmente in fase preliminare, dove Berlusconi è indagato per istigazione alla corruzione nell’inchiesta in cui si ipotizza la compravendita di due senatori del centrosinistra, eletti all’estero, durante l’ultimo governo Prodi affinché passassero nelle file del centrodestra durante il voto sulla legge finanziaria. La procura di Roma aveva chiesto l’archiviazione e il gip Orlando Villoni aveva sospeso la sua pronuncia nel merito in attesa della decisione della Corte Costituzionale sul Lodo Alfano.

07 ottobre 2009