Licenziata per una fetta di formaggio. Ma il giudice condanna Mc Donald’s

Posted on 27 gennaio 2010

0


La corte: misura inappropriata. La società dovrà pagarle i mesi di lavoro persi

 

La commessa di un fast food olandese scaricata per non aver fatto pagare un supplemento ad un collega

MILANO – «E’ solo una fetta di formaggio». Il pronunciamento del giudice di Leeuwarden, nel nord dei Paesi Bassi, passerà probabilmente alla storia: è con questa frase, infatti, che il magistrato ha sancito la sconfitta del colosso della ristorazione veloce Mc Donald’s, che nei mesi scorsi aveva licenziato una propria impiegata ritenuta colpevole di avere danneggiato la società aggiungendo, appunto, una fetta di formaggio al panino preparato per un collega. Un gesto compiuto probabilmente in buona fede ma che è stato considerato una violazione delle regole interne della catena americana di fast food che prevedono appunto il divieto di trattamenti di favore nei confronti di amici, famigliari o degli stessi colleghi.

L’«UPGRADE» DEL PANINO – La commessa che si era resa «colpevole» dell’arricchimento «indebito» del panino destinato ad un altro lavoratore come lei – sostanzialmente un semplice hamburger era stato trasformato in un cheeseburger e quindi per l’acquisto sarebbe stato necessario pagare una somma maggiore, seppure se di pochi centesimi – non era stata semplicemente richiamata. Il suo capo l’aveva messa direttamente alla porta, interrompendo con cinque mesi d’anticipo il contratto a tempo determinato che la legava alla società. Non aveva voluto sentire ragioni e per questo la ragazza aveva poi deciso di rivolgersi alla magistratura ordinaria. Il giudice ha approfondito il caso e alla fine ha ritenuto davvero spropositata la misura del licenziamento per una violazione di così lieve entità. Secondo il tribunale, un semplice avvertimento sarebbe stata una misura più che sufficiente per quella che evidentemente è stata giudicata solo una violazione della policy interna e non un vero danneggiamento nei confronti dell’azienda. Al punto che Mc Donald’s è stata condannata a risarcire la propria ex dipendente con una somma di circa 4.200 euro, ovvero la somma corrispondente ai cinque mesi di lavoro persi.

Redazione Online
27 gennaio 2010

Annunci
Posted in: Le Buone Notizie