Amira Hass – Pallottole senza gomma

Posted on 28 marzo 2010

0


 

Alcuni dubbi sulle versioni ufficiali dell’esercito israeliano.

Il 20 marzo i soldati israeliani hanno ucciso due ragazzi palestinesi in un villaggio vicino a Nablus durante una manifestazione per denunciare l’annessione di alcuni territori compiuta dai coloni di un vicino insediamento.

L’esercito ha dichiarato di aver usato proiettili di metallo ricoperti di gomma da una distanza di 70 metri, un mezzo legittimo per disperdere la folla. I palestinesi accusano invece i soldati di aver usato armi da fuoco.

All’inizio la stampa israeliana ha scelto la versione dell’esercito, anche se la radio militare – a volte più coraggiosa di quella pubblica – aveva citato un anonimo comandante secondo il quale le regole d’ingaggio non erano state rispettate.

L’attivista israeliano Jonathan Pollak, portavoce del Comitato di coordinamento per la lotta popolare (palestinese), ha smentito la versione ufficiale spiegando che le pallottole di gomma non possono penetrare nel cranio e nel petto di nessun essere umano. E comunque non da una distanza di 70 metri.

Il 23 marzo la polizia militare ha annunciato l’apertura di un’inchiesta. Evidentemente anche le alte sfere cominciano ad avere dei dubbi.

Questo mi fa tornare in mente il quotidiano polacco Gazeta Wyborcza, che nel 2003 aveva ricevuto un rapporto sui prigionieri iracheni picchiati, torturati e umiliati dai soldati americani ad Abu Ghraib.

Il giornale decise di non pubblicare le testimonianze: gli arabi avevano sicuramente esagerato, se non inventato di sana pianta. Poi la documentazione arrivò alla Cbs, che la mostrò a tutti. A quanto pare gli arabi non avevano esagerato.

Amira Hass è una giornalista israeliana. Vive a Ramallah, in Cisgiordania, e scrive per il quotidiano Ha’aretz (altri articoli di Amira Hass pubblicati da Internazionale).

Posted in: Free Palestine