Dell’Utri sarà ascoltato dai giudici per la morte di Pierpaolo Pasolini

Posted on 29 marzo 2010

0


IL SENATORE AVEVA DETTO DI AVER LETTO PAGINE DEL CAPITOLO SCOMPARSO DI «PETROLIO»

 

Sotto esame le vicende relative all’Eni dell’epoca e la morte di Enrico Mattei

Pierpaolo Pasolini  (Ansa)

Pierpaolo Pasolini (Ansa)

ROMA – Il senatore Marcello Dell’Utri sarà prossimamente ascoltato in Procura a Roma sulla morte dello scrittore Pierpaolo Pasolini avvenuta nella notte tra l’1 e il 2 novembre del 1975 all’idroscalo di Ostia. Dell’Utri sarà in particolare interrogato su un capitolo del libroPetrolio, scritto da Pasolini, capitolo del quale si sono perdute le tracce e che il 12 marzo scorso è stato oggetto di un’intervista di Dell’Utri al Messaggero, nella quale il senatore sosteneva di averne letto delle pagine, annunciando anche che sarebbe poi stato mostrato al pubblico,cosa che invece non è poi mai avvenuta.
A sollecitare l’approfondimento di questi fatti è stato il professor Guido Calvi che rappresenta come parte civile la famiglia di Pasolini e anche, come parte offesa l’ex sindaco di Roma Walter Veltroni, in un procedimento scaturito dalle dichiarazioni pubbliche fatte da Giuseppe Pelosi, condannato per il delitto, su fatti e circostanze nuove sulla morte dello scrittore.

LOSCHI INTRECCI – Nell’intervista Dell’Utri riferendosi alla scomparsa del capitolo ha detto d’aver letto quelle carte e che in queste si faceva riferimento a vicende relative all’Eni dell’epoca, a loschi intrecci, a circostanze relative alla morte di Mattei e ad altri casi irrisolti a cominciare da Mauro De Mauro. Sullo stesso argomento tempo fa un altro penalista, l’avvocato Stefano Maccioni, aveva presentato alla Procura la richiesta di ascoltare Dell’Utri, su circostanze da lui conosciute in base a notizie raccolte presso la Procura della Repubblica di Pavia, che si occupò della morte di Enrico Mattei.

INDAGINE MAI CHIUSA – La richiesta era stata presentata al pubblico ministero Francesco Minisci al quale è stata affidata l’indagine mai chiusa sul caso Pasolini, dopo il trasferimento ad altro ufficio della collega Diana De Martino. Rivolgendosi alla Procura, l’avvocato Calvi chiede di indagare sul capitolo del libro "Petrolio" scomparso che secondo Walter Veltroni sarebbe in possesso di un istituto. In sostanza la Procura dovrebbe reperire il documento che «potrè essere decisivo al fine di comprendere le ragioni dell’omicidio di Pierpaolo Pasolini e individuare finalmente gli ignoti e possibilmente i mandanti di uno dei più terribili eventi vissuti dal nostro Paese».

29 marzo 2010

Posted in: Culto