Sentenza G8, uno squarcio nell’Italia dell’impunità

Posted on 21 maggio 2010

0


 

Articoli Correlati

di Marco Revelli, il manifesto, 20 maggio 2010
La sentenza della Corte d’Appello di Genova per i «fatti della Diaz» non ci restituisce la luce. Ma per lo meno apre uno spiraglio di verità e di senso, nel buio fitto e appiccicoso che avvolge il Paese.
Giunge tardi. Tardissimo. A quasi dieci anni da quell’ignobile «massacro in stile sudamericano», che ci coprì di vergogna davanti al mondo. Dieci anni in cui i responsabili hanno continuato a ricoprire le più alte cariche nel «sistema di sicurezza». E a rappresentare le più delicate tra le istituzioni: quelle che incarnano il «monopolio della forza» e che dovrebbero, per dovere costituzionale, presidiare il più elementare dei diritti: quello all’integrità della persona.
Dieci anni nei quali le vittime di allora – quasi tutti giovani e giovanissimi – hanno potuto crescere e farsi uomini portandosi dentro quella ferita non rimarginabile, e l’immagine di uno Stato fondato sull’illegalità, sulla prepotenza e sull’impunità del potere. Però ora sappiamo che c’è, in questo Paese, almeno un anfratto, un’aula di tribunale, una Corte, in cui la verità che allora percepimmo, tutti, sulla nostra pelle può essere riconosciuta e «detta». In cui una parola, corrispondente alla realtà, può essere pronunciata.
Il Governo – c’era da dubitarne? – costituitosi in Corte alternativa, si è affrettato ad assolverli. «Piena fiducia», ha dichiarato il ministro Maroni, «i nostri uomini – ha detto il sottosegretario Mantovano – resteranno al loro posto», nonostante la pesantezza delle condanne, e l’esclusione dai pubblici uffici. E ha fatto bene a chiamarli «i nostri uomini». Perché sono della stessa pasta e della stessa cricca. Sono, tutti insieme, in forma «sistemica», parte della stessa Italia, intreccio di ferocia e privilegio, di connivenze incrociate e di ostentazione d’impunità.
Sono l’Italia che ha praticato la tortura, a Bolzaneto, su decine e decine di ragazzine e ragazzini alla propria prima esperienza di partecipazione politica. Sono l’Italia che ha ammazzato Carlo Giuliani e ha sputato sul suo corpo adolescente. Oggi sappiamo – dall’inchiesta di Perugia – che sono anche l’Italia della corruzione sistematica e degli scambi di piaceri. Quella delle case regalate e degli affitti di favore ai figli e ai cognati. L’Italia dell’Enasarco – per intenderci – e degli Anemone e Zampolini.
Sono, infine, la stessa Italia che, con un velenoso colpo di coda, ha sanzionato nel modo più brutale la fine della libertà di stampa, minacciando il carcere ai giornalisti e condannando di fatto a morte gli editori che osassero rendere pubblici i materiali giudiziari connessi a quelle stesse intercettazioni senza le quali mai si sarebbe giunti alla verità sui «fatti della Diaz».
Non vorremmo che quella di ieri fosse davvero l’ultima «bella notizia» che abbiamo potuto festeggiare.
(20 maggio 2010)

Posted in: Genova 2001