Lorenzo Guadagnucci – W la tortura

Posted on 16 giugno 2010

0


 

da distratti dalla libertà

L’Italia ha respinto l’invito dell’Onu ad introdurre nell’ordinamento penale il reato di tortura, in applicazione di un impegno preso a livello internazionale oltre vent’anni fa. Questo rifiuto è forse la dimostrazione più esplicita dell’involuzione autoritaria del nostro paese, ormai stabilmente collocato in quella zona grigia fra i sistemi democratici veri e propri (tutti peraltro alle prese con problemi non piccoli) e i regimi autoritari veri e propri, insomma fra la Francia o la Germania da un lato, e la Russia dall’altro. E probabilmente siamo più simili alla Russia di Putin che a Francia e Germania.

Questo no sulla tortura arriva pochi mesi dopo le sentenze di condanna per alcune decine di agenti, funzionari e dirigenti delle nostre forze di polizia relative ai fatti di Genova del 2001, che hanno fatto emergere il "caso Italia" nel mondo. Nel processo per i maltrattamenti sui detenuti nella caserma di polizia di Bolzaneto, si è fatto esplicito riferimento alla tortura; le condanne sono arrivate, necessariamente, per figure di reato alternative, per lo più coperte dalla prescrizione, mentre tutte le leggi sulla tortura dei paesi democratici escludono la prescrizione, data la odiosità del reato e la sua pericolosità per la tenuta di qualsiasi regime democratico. Tutti i condannati sono rimasti al loro posto, come gli altissimi dirigenti di polizia condannati in appello poche settimane fa al processo per le violenze e i falsi alla scuola Diaz..

L’Italia dunque, più di altri, ha un problema di abusi nelle carceri e fuori delle carceri ad opera di uomini in divisa (do you remember il caso Aldrovandi? o il caso Cucchi, il caso Lonzi, il caso Gugliotta e via elencando?) E il potere politico che fa? Dice no a chi chiede un rapido aggiornamento della disciplina penale.

Cercano di mettere sotto il tappeto la tortura che si è praticata e potrebbe essere praticata in futuro, eppure sanno bene che l’impunità è il più sicuro viatico per il ripetersi di abusi e maltrattamenti. Il disagio dei cittadini democratici non può che crescere, di fronte a tanta arroganza e tanta irresponsabilità.

Chi può, per favore, dica e magari faccia qualcosa.

(10 giugno 2010)

Posted in: La Bella Italia