Rino Formica: «Ustica, un missile sull’aereo. Me lo disse subito un generale»

Posted on 28 giugno 2010

0


L’intervista: «Tutti vanno da Gheddafi, nessuno si fa dire come andò»

 

Era il pilota di Nenni, escluse il cedimento strutturale. Furono i francesi? L’ha detto Cossiga, sto con lui»

L’intervista – Rino Formica: «Tutti vanno da Gheddafi, nessuno si fa dire come andò»

«Ustica, un missile sull’aereo
Me lo disse subito un generale»

Era il pilota di Nenni, escluse il cedimento strutturale. Furono i francesi? L’ha detto Cossiga, sto con lui»

Rino Formica (LaPresse)

Rino Formica (LaPresse)

ROMA —A sentire Rino Formica, il socialista che era ministro dei Trasporti nel governo guidato da Francesco Cossiga quando precipitò il Dc9 dell’Itavia, i casi sono due. O la verità sulle 81 persone morte nel volo su Ustica si trova in archivi italiani, e allora il personale che ha governato l’Italia dopo la fine della Prima Repubblica, «proveniente dall’estrema destra all’estrema sinistra», non è stato in grado di rivelarla per volontà o inadeguatezza. Oppure la verità sul 27 giugno 1980 è all’estero, e l’incapacità di ottenerla dimostra che il nostro Paese non è autorevole a livello internazionale come molti di quegli stessi politici lo descrivono.

Sarebbe interessante una sua intervista su Ustica…
«Mi vergogno a parlarne», è la prima risposta di Formica, 83 anni, al Corriere.
Di che cosa si vergogna?
«Parlarne dopo 30 anni e dire alle famiglie che c’è ancora da scavare sulla verità è, per il Paese, un segno di impotenza o di ipocrisia».
Dovuto a che cosa?
«Questo è un sistema politico che non conta niente. Quando si rideva della storia del missile (la tesi che fosse stato un missile ad abbattere l’aereo, ndr), fui il primo al Senato, di fronte a tutti i gruppi parlamentari che accettavano la teoria del "cedimento strutturale", ad affermare: attenti, potrebbe esser stato qualcosa di esterno. C’era la tesi del generale Rana».
Era stato il generale Saverio Rana, presidente del Registro aeronautico italiano, a dirle che il Dc9 poteva essere stato colpito da un missile.
«Valutando i dati dei radar, Rana lo riteneva razionalmente possibile. Siccome è escluso si trattasse di un missile di batteria italiana, e deve essere straniero, dovremmo ricavarne un paio di elementi».
Quali?
«Dopo 30 anni, il Paese non riesce ad avere spiegazioni da Stati non nemici. Alleati. Allora è un Paese che accetta di poter essere preso per i fondelli. E siccome in 30 anni non c’è forza politica che non abbia governato e messo mano negli archivi, se ne deve dedurre che la verità è in archivi non in questo Paese. Hanno governato tutti, pure extraparlamentari di destra e sinistra…».
Quando Rana le parlò di missile, il ministro della Difesa Lelio Lagorio, Psi, non diede seguito.
«Nel dire "cosa un po’ fantasiosa", doveva reggersi sullo stato maggiore. Che poteva dire?».
E lei?
«Io non disponevo di alcun elemento certo, ma della valutazione di uno del quale avevo grande fiducia. Di Rana mi fidavo del tutto, non solo perché era stato il pilota di Pietro Nenni, anche perché lo conoscevo come uomo specchiato, onesto, impastato della storia dell’Aeronautica. Rana escludeva il collasso strutturale, non stabiliva chi era l’esecutore. Il problema era che, vista l’assenza del collasso…».
Formica, ma lei che idea si è fatto? Chi buttò giù il Dc9?
«Sto alle osservazioni di Cossiga. Ha detto: i francesi».
La strage di Ustica dimostra la scarsa sovranità dell’Italia.
«Il problema non è quanto è avvenuto fino agli anni ’80, quando la sovranità era determinata dalla divisione del mondo in blocchi, ma dopo».
Questo non è un palleggio? Al governo c’era lei, allora.
«No, non lo è. Perché tutti quelli al governo dopo si sciacquano la bocca sul fatto che la Prima Repubblica era assoggettata all’estero. Scusi, Obama se non sa che fare non chiede consiglio a Berlusconi? Putin non sa da qui i calzini da mettere? Non daremmo tanti consigli? Tanti consigli, tanti pernacchi. E Gheddafi? Vanno sempre sotto la sua tenda. E non si fanno mai spiegare nulla. Sia pure all’orecchio, come si dice in linguaggio massonico, dato che sono tutti massoni, a destra e a sinistra. Senta, sò tutti dei girella».

Maurizio Caprara
28 giugno 2010

Annunci
Posted in: La Bella Italia