Cialente: «Aquilano picchiati senza ragione. Il percorso era concordato»

Posted on 10 luglio 2010

0


 

di Jolanda Bufalini

È la fine di una giornata campale: in testa al corteo, le botte, i posti blocco. Poi l’incontro con il presidente del Senato e quello con i capigruppo di maggioranza e opposizione. Intanto c’è stato l’impegno in piazza del segretario del Pd Bersani: «Per noi L’Aquila è la priorità». Il sindaco de L’Aquila Massimo Cialente sdrammatizza, prendendo in giro l’onorevole Giovanni Lolli, che si è preso una manganellata mentre il corteo era bloccato sotto palazzo Grazioli , e prende in giro anche se stesso: «Mia moglie al telefono ha detto che me ne hanno date poche». Intanto però aspetta notizie. La capogruppo del Pd Anna Finocchiaro, ieri mattina, ha richiesto un incontro sulla vicenda delle tasse che i terremotati dovrebbero, ricominciare a pagare in toto dal 1° gennaio. «Berlusconi dovrebbe parlarne con Tremonti ma Tremonti non si trova». Dal vertice Pdl a palazzo Grazioli, mentre da sotto arrivava il rumore della protesta, la risposta è stata «valuteremo». A sera, in extremis, palazzo Chigi annuncia che le tasse saranno diluite in dieci anni.
Sindaco, si è fatto male? Oggi si è trovato anche di fronte ai manganelli.
«No, io sono un po’ acciaccato ma niente di grave, mi dispiace per i ragazzi che si sono presi le manganellate. Eravamo in testa al corteo davanti al posto di blocco. Per mediare, calmare gli animi. Poi c’è stata una carica e le manganellate. Mi dispiace anche per Giovanni Lolli (deputato aquilano del Pd, ndr) che sotto a palazzo Grazioli si è preso una manganellata sulla spalla. Non mi sarei mai aspettato una cosa del genere».
Siete arrivati in cinquemila con i pullman
«È il popolo aquilano, gente di tutte le età, c’erano tutti, dagli industriali al sindacato di polizia, professori di scuola e presidi di facoltà, professionisti , istituzioni e sindaci dei paesi colpiti dal sisma, tanti ragazzi , donne e anziani».
Però c’erano i posti di blocco e ci sono state le manganellate.
«Io avevo scritto e ho le carte: il percorso da piazza Venezia a Montecitorio passando da piazza di Pietra. Ho i documenti e avevo specificato che ci sarebbero statti vecchi e famiglie, tanto che avevo chiesto ad Alemanno, che lo ha concesso, di far fermare i pullman il più vicino possibile, a piazza Santi Apostoli. Se Marroni le vuole, glie le faccio vedere».

E invece?

«Invece ci hanno menato. Il presidente del consiglio aveva detto che non avrebbe mandato a L’Aquila più nessuno della Protezione civile perché qualche mente fragile avrebbe potuto usare la violenza. Ora sono io che mi trovo a dire agli aquilani di fare attenzione, che a Roma c’è qualche mente fragile che picchia i terremotati».

Come è andato l’incontro con il presidente del Senato, Schifani?

«Mi è sembrato colpito quando gli abbiamo spiegato di questa spada di Damocle che ci pende sulla testa: con il pagamento del 100 per cento di tasse, tributi e arretrati un operaio con una busta paga di mille euro si trova a pagare 240 euro al mese».
Cosa avete ottenuto?
«C’è la proposta di Anna Finocchiaro, di diluire in 10 anni , anziché nei 60 mesi attuali, il 40 per cento del dovuto».
I Tg usano il condizionale ma sembra che la proposta sia stata accolta.
«Ah, bene. Se la proposta passasse non sarebbe la soluzione a tutti i problemi enormi che abbiamo di fronte per la ricostruzione ma sarebbe una boccata di ossigeno. Una cosa grazie alla quale la notte puoi prendere sonno. Se passa quella proposta, almeno vuol dire che le botte che abbiamo preso sono servite a qualcosa».
È una soluzione analoga a quella dell’Umbria, con il 60 per cento di sconto sulle tasse?
«L’Umbria ha iniziato a pagare 12 anni dopo, noi un anno e otto mesi dopo. Ma è meglio di niente. Alessandria, dopo l’alluvione ha avuto il 90 per cento di sconto e anche Foggia, alcuni mesi fa, noi non stiamo certo chiedendo dei privilegi. Il mio calcolo è che sia necessario trovare una copertura di 180 milioni di euro».

08 luglio 2010