Eugenio Scalfari – Gli italiani: un popolo o una folla?

Posted on 11 luglio 2010

0


 

Siamo una nazione che da sempre tende all’emotività, agli istinti, all’irrazionalità, alla piazza. Quindi facilmente manipolabile da un capo carismatico che punta al consenso plebiscitario

Una  adunata oceanica  in piazza Venezia ai tempi del
 Duce Una ‘adunata oceanica’ in piazza Venezia ai tempi del Duce

Si fa un gran discutere sul tema dell’identità. La ricorrenza dei 150 anni dell’Unità d’Italia ha rinfocolato l’argomento, ma esso teneva banco già da un pezzo. Chi erano allora e chi sono oggi gli italiani? È vero – come dicevano D’Annunzio e Mussolini – che sono una razza di navigatori, di guerrieri, di artisti, di santi? O invece – come pensano molti stranieri – di mandolinisti, di mangiatori di maccheroni, di furbi, di mafiosi e di vigliacchi? E più in generale, si può cercare e scoprire l’identità di un popolo, d’una nazione, d’una collettività? Oppure l’identità è un concetto valido per gli individui ma del tutto inappropriato per una moltitudine di soggetti? Esiste un Io collettivo oltreché un Io individuale?
Sono domande alle quali è arduo rispondere. Ci ha provato tra gli altri Sigmund Freud; al fondatore della psicoanalisi bisogna riconoscere una competenza specifica in materia di identità, cominciò infatti curandone i disturbi e poi si pose anche lui il problema dell’identità delle masse e ne descrisse alcuni tratti.
C’è tuttavia un punto fermo che distingue in modo radicale l’Io individuale dall’Io di una massa: la struttura psico-fisica d’un individuo poggia principalmente sul suo Dna, mentre una massa non ha alcun Dna che ne presidi l’identità.
Naturalmente ci sono anche altri fattori che entrano in gioco: l’educazione, la memoria, la società, il costume, le consuetudini, il linguaggio, la cultura, la religione. Perfino il colore della pelle. Perfino il clima.
Questi fattori agiscono sia sugli individui sia sulle masse, ma il Dna opera soltanto sui primi e non sulle seconde e non è piccola differenza. Significa che l’identità d’un individuo ha una stabilità molto maggiore di un’identità collettiva, la quale può cambiare assai più rapidamente e spesso addirittura capovolgersi nel suo contrario nello spazio di pochi mesi. L’emotività esercita sulle masse e quindi su una società massificata un ruolo molto rilevante con la conseguenza che gli individui massificati cedono molto più facilmente agli stimoli emotivi che a quelli razionali.
Siamo ancora in un’analisi di prima approssimazione. Se vogliamo inoltrarci in questo percorso dobbiamo cominciare a distinguere le varie tipologie che può assumere una massa di persone.
Direi che l’identità più stabile la si trova nelle comunità, cioè in un gruppo di persone che fanno vita comune e sono legate da una comune cultura, da una comune religione, da una comune convinzione del bene collettivo. Le comunità cristiane, ebraiche, islamiche, buddiste, taoiste, possiedono un’identità molto stabilizzata. Ma anche gli anarchici, i comunisti e in generale quelli che si identificano con un’ideologia che sfiori l’utopia, sono tenuti insieme da vincoli profondi la cui eventuale rottura determina traumi gravi in chi decide di spezzare quei vincoli. Metterei tra queste comunità anche la famiglia, che è dotata di un’identità molto precisa; si tratta però d’una micro-identità inserita in comunità più vasta sicché i traumi e le rotture a livello familiare sono molto più frequenti.
All’estremo opposto di questa classifica massificativa c’è la folla. Si tratta d’una massa occasionale che si forma per cause esterne: un evento, una presenza casuale in un luogo, una convocazione, una celebrazione, il discorso di un Capo.
La psicologia della folla è stata attentamente esaminata e il risultato è concorde: la folla è dominata dall’emotività degli istinti, esprime pulsioni inconsce, è facilmente manipolabile da chi possiede la capacità e gli strumenti per farlo.
L’emotività della folla può esprimere forme di consenso plebiscitario oppure, all’opposto, forme distruttive e criminogene come il linciaggio d’un presunto colpevole e varie forme di giustizia sommaria.
Spesso i regimi autoritari poggiano sulle folle, sistematicamente preparate e manipolate. Gli stessi individui che solitamente esprimono giudizi di buonsenso, una volta assembrati in una folla smarriscono spesso quel buonsenso e vengono con facilità assimilati dal senso comune. La piazza rappresenta l’immagine dei regimi autoritari. La chiamano democrazia ma ne costituisce invece il polo opposto.

Gli italiani hanno una forte tendenza a farsi risucchiare dalla folla. Credo che dipenda dallo scarso numero di comunità religiose (che non sono parrocchie ma semmai oratori) e di associazioni laiche. Da questo punto di vista il volontariato e le comunità che lo praticano rappresentano un’alternativa positiva rispetto alla folla pura e semplice.
Il richiamo della folla evocata dal Capo è comunque una delle tendenze costanti della società italiana, restia da sempre a confrontarsi con lo Stato. Quando la massificazione sociale assume i connotati della folla, bisogna esser consapevoli che la democrazia liberal-democratica versa in serio pericolo.

Posted in: La Bella Italia