Mosca, opposizione in piazza: 80 arresti

Posted on 1 agosto 2010

0


IN MANETTE, TRA GLI ALTRI, Boris Nemtsov, importante esponente dell’opposizione

 

Disperso il raduno a favore della libertà d’espressione. Nessuna spiegazione da parte della polizia

IN MANETTE, TRA GLI ALTRI, Boris Nemtsov, importante esponente dell’opposizione

Mosca, opposizione in piazza: 80 arresti

Disperso il raduno a favore della libertà d’espressione. Nessuna spiegazione da parte della polizia

MOSCA – Sono ottanta le persone arrestate a Mosca sabato durante una manifestazione per la libertà di espressione in piazza Triumfalnaya. I manifestanti, circa duecento, si erano radunati, come fanno ogni 31 del mese, a difesa dell’articolo 31 della Costituzione, che garantisce il diritto alle manifestazioni pacifiche. A presidiare la piazza, e intervenire, sono stati 172 agenti e 200 soldati, che hanno disperso la manifestazione. La polizia non ha dato alcuna spiegazione per gli arresti ma ha accusato alcuni dei manifestanti di aggressione: secondo quanto riporta l’agenzia di stampa russa Ria Novosti alcuni agenti sarebbero rimasti contusi. Tra le ottanta persone finite in manette anche Boris Nemtsov, l’ex vice premier di Eltsin, diventato successivamente un importante esponente dell’opposizione. La polizia non ha dato alcuna spiegazione per gli arresti ma ha accusato alcuni dei manifestanti di aggressione: secondo quanto riporta l’agenzia di stampa russa Ria Novosti alcuni agenti sarebbero rimasti contusi. Il 31 maggio scorso i fermi arrivarono a 130 nella sola Piazza del Trionfo (parallelamente a San Pietroburgo furono quasi un centinaio).

Opposizione in piazza a Mosca, 80 arresti Opposizione in piazza a Mosca, 80 arresti Opposizione in piazza a Mosca, 80 arresti Opposizione in piazza a Mosca, 80 arresti Opposizione in piazza a Mosca, 80 arresti Opposizione in piazza a Mosca, 80 arresti Opposizione in piazza a Mosca, 80 arresti Opposizione in piazza a Mosca, 80 arresti

LIBRO D’ACCUSA – Nemtsov è autore insieme a Vladimir Milov di un libro particolarmente critico nei confronti del primo ministro Vladimir Putin, presentato lo scorso mese di giugno e di cui la polizia aveva immediatamente sequestrato centomila copie. Il libro ha una tiratura totale di un milione di copie e si propone di «raccontare la verità sui reali risultati della leadership di Putin e il tandem» con il presidente Dmitri Medvedev. Un anno fa una simile monografia sul sindaco di Mosca Yuri Luzhkov, finì con una causa per diffamazione vinta da Luzhkov, che costrinse Nemtsov a ritrattare con una dichiarazione in merito alla presunta corruzione del municipio.

Redazione online
01 agosto 2010

Posted in: Los de abajo